Studenti della Direct English ricevo il rimborso dei soldi pagati per lezioni mai sostenute

Ancora un caso di danni a carico di persone che fortunatamente si è risolto in modo positivo grazie all’intervento dell’Adico. Grazie al grande lavoro svolto dall’ufficio legale dell’Adico, la situazione per gli studenti delle scuole Direct English gestite in franchising dalla Education srl, società fallita da un paio di mesi lasciando a piedi circa 2mila studenti in tutta Italia, si sta evolvendo in modo positivo, con risultati per nulla scontati dopo la chiusura della sedi di Mestre e di Treviso e dopo la sospensione del pagamento delle rate, ecco i primi rimborsi integrali da parte di banca Intesa San Paolo. Da qualche settimana l’istituto di credito – che ha concesso il prestito per iscriversi ai corsi di inglese al 90% degli studenti di Padova e di Treviso che si sono rivolti all’Adico – sta inviando raccomandate agli studenti che si sono rivolti alla nostra associazione, 150 circa, in cui si comunica che è stato predisposto il rimborso delle rate pagate senza aver usufruito del servizio. Qualcuno ha ricevuto già il bonifico direttamente in banca, anche per importi superiori ai mille euro.

“Per noi questo rappresenta un grande successo – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adico -. Quando abbiamo deciso di seguire la vicenda, eravamo coscienti delle difficoltà connesse al fallimento di una società. Il nostro ufficio legale e la segreteria hanno svolto e stanno svolgendo un lavoro incredibile e a costo zero per gli iscritti e i risultati si sono visti da subito, con il blocco della rate da parte di banca Intesa San Paolo. Ora arrivano anche i rimborsi”.

L’istituto di credito nella raccomandata che sta inviando agli studenti annuncia dunque il rimborso, spiegando che le tempistiche, visto il grande numero di richieste, non possono essere definite con precisione. Anche chi aveva un finanziamento con la finanziaria Consel, circa il 10% degli studenti iscritti all’Adico, ha ricevuto o sta ricevendo l’accredito di due rate, quelle relative a febbraio e marzo, quando la scuola è stata chiusa. In questo caso, dice ancora Garofolini,

“ attendiamo di valutare i singoli casi per ottenere anche le altre rate, quelle pagate prima di febbraio senza aver usufruito del relativo corso di inglese”

Infine, per chi ha pagato in contanti,

“ci auguriamo che il titolare della Education srl, sempre disponibile a confrontarsi con noi, confermi quanto prima la possibilità di seguire i corsi di inglese in un’altra scuola, naturalmente senza dover corrispondere nulla”.

Commenta per primo la notizia "Studenti della Direct English ricevo il rimborso dei soldi pagati per lezioni mai sostenute"

Scrivi un commento

La tua mail non sarà pubblicata ne usata per scopi promozionali


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com